News 2020

5° Memorial Giuseppe Baracchi

Gara di golf in memoria del socio fondatore Giuseppe Baracchi che nel 1985 insieme ad alcuni amici appassionati di golf e grazie alla sinergia tra pubblico e privato ha contribuito alla creazione del Casentino Golf Club nel comune di Poppi. Il primo progetto su carta fu disegnato proprio da lui che da alcuni anni si era avvicinato con entusiasmo a questo sport.

A 35 anni dalla sua fondazione il campo da golf casentinese rimane l'unica realtà golfistica presente in provincia di Arezzo. Un sogno sognato e realizzato in continua espansione che ha contribuito ad incrementare il flusso turistico nella stupenda valle ricca di monumenti  artistici, paesaggi mozzafiato e boschi incontaminati che hanno portato alla costituzione del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi tra Toscana e Romagna.

Panoramica campo

 

Panoramca campo

GRAZIE LILIANA

LA NOSTRA FONDAZIONE DA SEMPRE VICINA A LILIANA SEGRE CON GRATITUDINE PERCHE' LA SUA TESTIMONIANZA DI VITA RISCALDA I CUORI ED ILLUMINA LE MENTI. 

GRAZIE LILIANA DI ESSERCI STATA AMICA INSIEME A RONDINE!

Dopo la recente conferma dell’intenzione di interrompere la sua attività di testimone la Senatrice a vita rinnova la volontà di un ultimo incontro con i giovani nella Cittadella della Pace di Arezzo per consegnare loro il testimone della memoria

Liliana Segre: “L’iniziativa del 9 ottobre presso la Cittadella della Pace segnerà un ideale passaggio di testimone fra la mia lunga esperienza di testimonianza e di memoria storica e la vostra pratica di studio e di confronto fra già nemici che si conoscono, dialogano e si formano nei valori della pace e della convivenza”

Venerdì 9 ottobre 2020, ore 10.30, Rondine Cittadella della Pace, Arezzo 

 

Rondine (Arezzo), 24 settembre 2020 – Saranno i giovani di Rondine Cittadella della Pace a raccogliere il patrimonio morale di Liliana Segre, giovani “nemici” che hanno scelto di convivere e impegnarsi per superare l’odio che separa i loro popoli. Il prossimo 9 ottobre, dalle ore 10.30, nell’antico borgo medioevale di Rondine ad Arezzo, sede dell’organizzazione internazionale impegnata da oltre vent’anni nella riduzione dei conflitti, la senatrice a vita consegnerà loro il testimone -  quali rappresentanti ideali di tutti i giovani italiani e del mondo - perché proseguano e diffondano il suo messaggio di pace e superamento dell’odio. Lo storico evento era stato inizialmente programmato per lo scorso giugno presso lo stadio di Arezzo alla presenza di migliaia di persone. A causa della diffusione del Covid-19, però, l’appuntamento è stato rimandato, ma compatibilmente con le condizioni di salute della Senatrice a vita, è stato riprogrammato in questa data, proprio all’interno della Cittadella della Pace, ad Arezzo.

2011 Liliana Segre Centro Affari Arezzo con i giovani di Rondine

L’iniziativa è realizzata dal Comitato Promotore dell’evento pubblico per Liliana Segre - che vede Rondine Cittadella della Pace capofila – assieme a Fondazione CR Firenze (partner di progetto) e che raccoglie soggetti pubblici e privati, enti e istituzioni -  costituitosi per promuovere la memoria della Senatrice a vita e trasformarla in un bene comune a disposizione dell’umanità e della ripartenza dell’Italia. L’ evento, sarà necessariamente più ristretto poiché dovranno essere garantite le norme sanitarie previste a causa della pandemia, ma sarà comunque accessibile a tutti grazie al digitale sulla piattaforma grazieliliana.rondine.org proprio perché il messaggio della Segre possa diventare universale e raggiungere milioni di persone. L’iniziativa è realizzata con il patrocinio e il contributo della Regione Toscana, inoltre vedrà come media partner RAI e Agenzia Stampa Dire.

La Senatrice a vita, dopo oltre un trentennio di ininterrotta testimonianza, ha deciso di chiudere con la sua instancabile attività pubblica di testimone, non prima, però, di un’ultima condivisione della sua memoria.

Care amiche e amici dell’Associazione Rondine della Pace, care ragazze e ragazzi di tutto il mondo – dichiara la senatrice a vita, Liliana Segre nel suo messaggio ai giovani di Rondine – quando ho dovuto scegliere un luogo e un’occasione per congedarmi da un pezzo importante della mia vita, la stagione ormai trentennale della testimonianza della tragedia della Shoah in scuole e città di tutt’Italia, non ho avuto dubbi nello scegliere Rondine di Arezzo. La vostra esperienza di comunità e di confronto fra diversi è infatti l’esatto contrario dalla ‘logica’ del lager, che era quella della criminalizzazione dell’Altro e del suo sterminio. L’iniziativa del 9 ottobre presso la Cittadella della Pace – continua la Segre – segnerà quindi un ideale passaggio di testimone fra la mia lunga esperienza di testimonianza e di memoria storica e la vostra pratica di studio e di confronto fra già nemici che si conoscono, dialogano e si formano nei valori della pace e della convivenza. Ci vediamo venerdì 9 ottobre alla Cittadella della Pace! 

È proprio Rondine il luogo scelto quale contesto ideale cui affidare il suo lascito di pace e riconciliazione e per rendere la sua testimonianza indimenticabile, soprattutto per le giovani generazioni, “una realtà straordinaria, il mondo che vorrei vedere negli anni che mi restano, aveva dichiarato la Senatrice lo scorso gennaio.

120160136 3337831782936729 9178194266113798538 o

Ai giovani, fisicamente e virtualmente riuniti nella piccola Cittadella, a quelli vittime di guerre e conflitti che ogni giorno la vivono, agli studenti italiani all’inizio di un percorso di studio o di lavoro che si preannuncia difficile, la Segre rinnoverà il dono della sua testimonianza di sopravvissuta alla Shoah, chiedendo loro di trasformare la memoria in un futuro senza odio e violenza, di esercitare la stessa scelta di libertà che lei fece rinunciando a vendicarsi con il suo aguzzino, di non perdere mai la propria umanità.

Liliana Segre – spiega Franco Vaccari, fondatore e presidente di Rondine - è l’essenza stessa della Cittadella della Pace. In lei ritroviamo tutto ciò che ci ha condotto a immaginare Rondine e a svilupparla: il superamento dell’odio e dell’inimicizia attraverso la decostruzione del concetto del nemico, l’impegno educativo e formativo, una leadership positiva, la testimonianza come impegno civico. È per noi un dono prezioso la sua ultima testimonianza a Rondine, da cui il titolo dell’evento come segno di gratitudine e impegno a far vivere qui la sua memoria nel futuro attraverso i giovani”. 

Nel corso dell’evento ‘Grazie Liliana!’ la Senatrice a vita poserà la "prima pietra" de “L’Arena di Janine” all’interno della Cittadella della Pace. L’arena, intitolata alla sua giovane amica che non salutò prima che venisse condotta nelle camere a gas di Auschwitz, sarà un grande spazio naturale ed eco-sostenibile di aggregazione per i giovani, destinato alla memoria che si trasforma in monito imperituro contro l’indifferenza. Questo luogo, concepito innanzitutto come gesto di ringraziamento collettivo per il suo infaticabile impegno e per la sua profonda testimonianza, raccoglierà idealmente l’eredità di Liliana Segre divenendo un laboratorio fecondo di azioni concrete.

Soggetti promotori e partner

Il “Comitato Promotore dell’evento pubblico per Liliana Segre” è composto da: Associazione Rondine Cittadella della Pace (capofila), Cooperativa Sociale Rondine Servizi S.c.r.l., Fondazione di Comunità per Rondine, Diocesi di Arezzo-Cortona-Sansepolcro, Provincia di Arezzo, Comune di Arezzo, Marina Sereni - Vice Ministra degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Lucia De Robertis - Vice Presidente uscente del Consiglio Regionale della Toscana, Vincenzo Ceccarelli - Assessore uscente della Regione Toscana, Italpreziosi s.p.a., Confindustria Toscana Sud, Fondazione CR Firenze, Fondazione Baracchi, Planet Life Economy Foundation, Coldiretti Arezzo, Università degli Studi di Firenze, Accademia Nazionale dei Lincei, Associazione Figli della Shoah, Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, Yassine Lafram - Presidente dell'Unione delle Comunità Islamiche d'Italia, Izzeddin Elzir - Consigliere dell'Unione delle Comunità Islamiche d'Italia, Santuario della Verna, Custodia Generale del Sacro Convento di Assisi, Movimento dei Focolari, Piero Coda - Professore dell'Istituto Universitario Sophia, Marco Impagliazzo - Presidente della Comunità di Sant’Egidio, Andrea Riccardi - Fondatore della Comunità di Sant'Egidio, Milena Santerini - Coordinatrice nazionale per la lotta contro l’antisemitismo, Domenico Giani – già direttore dei Servizi di Sicurezza e Protezione Civile dello Stato della Città del Vaticano e già comandante del Corpo della Gendarmeria dello Stato della Città del Vaticano, Roberto Pietrosanti - Artista. 

Il “Comitato Promotore dell’evento pubblico per Liliana Segre” è affiancato dal Comitato d’Onore dell’evento pubblico per Liliana Segre” composto da: Ministero dell’Istruzione, Ministero dell’Università e della Ricerca, Ministero degli Interni, Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo, Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale

Partner. L'evento "Grazie Liliana" viene realizzato grazie al determinante contributo di Fondazione CR Firenze, partner del progetto. Con il patrocinio e il contributo della Regione Toscana e di Fondazione Cariplo. Grazie al prezioso sostegno e partecipazione di: Enel, Poste Italiane, Confindustria Toscana Sud, Esselunga, Fondazione Giuseppe e Adele Baracchi, Federazione Toscana BCC - Credito Cooperativo, CEGS Facility. Grazie a: Comune di Arezzo, Provincia di Arezzo, Fondazione KON, Unicoop Firenze, AVIS Nazionale ODV, Bending Spoons, Slow Food Toscana, Movimento Cristiano Lavoratori (M.C.L.). Con il supporto di: alkimie, Produzioni dal Basso, Filarete Digital Agency, ImpactOn, Tommaso Galli Video - Photo, Coldiretti Arezzo, Unione Regionale Cuochi Toscani, Roggi the Circle Of Life, Grafiche Badiali, Camae, Buccelletti Spazi, Giorgini Fiori.  

Chi siamo.

Rondine Cittadella della Pace è un’organizzazione internazionale che si impegna per la riduzione dei conflitti armati nel mondo attraverso la formazione di giovani leader di pace, fondata nel 1998 da Franco Vaccari, attuale presidente.

Il cuore del suo lavoro è lo Studentato Internazionale – World House, dove convivono e studiano insieme giovani provenienti da luoghi di conflitto, “nemici” tra loro. Gli studenti intraprendono un percorso di formazione di due anni basato sul ‘Metodo Rondine’ che mira a trasformare il conflitto in opportunità di cambiamento generando un impatto nei contesti di provenienza. Al termine del biennio, i ragazzi tornano nei propri Paesi formati a essere agenti del cambiamento e pronti a offrire un proprio contributo nell’affrontare i conflitti dei propri popoli. Oggi la World House accoglie trenta giovani di venticinque nazionalità diverse provenienti da Medio Oriente, Balcani, Africa, Caucaso e America Latina, e ha già formato oltre duecento giovani in tutto il mondo, che stanno lavorando per la pace nelle proprie comunità. 

Contatti Ufficio Stampa Rondine Cittadella della Pace:

Elena Girolimoni
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. (+39) 393 9704072

Luca Attanasio

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. / (+39) 339 7751996

www.rondine.org

Grazieliliana.rondine.org

TUTTI I COLORI DELL'ITALIA CHE VALE con Valentina Bisti

Sarà Valentina Bisti la protagonista dell'ultimo incontro del ciclo “Ricominciamo!” in programma nel grande prato della Fondazione Baracchi, a Bibbiena.

Venerdì 18 settembre, ore 18, la popolare giornalista Rai, conduttrice del Tg1 e di “Uno Mattina”, racconterà quest’anno così difficile e unico da un angolo visuale molto speciale, quello della diretta mattutina di tre ore con cui ha accompagnato il lockdown degli italiani e la loro faticosa ripresa.

Ma Valentina porterà anche il suo personale contributo al tema “Ricominciamo!”: un libro, “Tutti i colori dell’Italia che vale”, in cui ha raccolto le conversazioni della sua rubrica televisiva: storie di persone che hanno avuto la forza di reagire alle sfide della vita, che si sono reinventate, che si sono spese per gli altri.

Storie molto diverse, alcune conosciute, come quella del grande musicista Ezio Bosso, o quella di Manuel Bortuzzo, il nuotatore rimasto paralizzato dopo essere stato vittima di una vile sparatoria, ma in molti casi sconosciute al grande pubblico.

Valentina Bisti, prima in Tv, e poi nel libro, ha ragionato insieme ai suoi ospiti su come aiutare il prossimo, su come affrontare le difficoltà dei giorni nostri, su come risorgere quando tutto sembra perso per realizzare i propri sogni.

Oltre al suo libro, Valentina porterà a Bibbiena la sua esperienza professionale (per la Rai ha seguito tanti eventi di cronaca dal naufragio della costa Concordia al terremoto di Amatrice), la familiarità e la simpatia che ha trasmesso come conduttrice di “Uno mattina”, ma anche l’amore per le sue radici casentinesi (Valentina è nata a Roma ma la sua mamma e i suoi nonni vengono da Pratovecchio).

L'incontro sarà condotto dal giornalista Massimo Orlandi.

L'evento, come sempre, si svolgerà nel pieno rispetto delle regole anti Covid-19, pertanto sarà obbligatoria la mascherina, e i posti disponibili, tutti a sedere, rispetteranno le norme del distanziamento sociale.

 

 

 

 

CONCERTO ORCHESTRA CORELLI

L'Orchestra Corelli di Ravenna torna ad esibirsi in Casentino, con un concerto incentrato sul suo primo importante progetto discografico internazionale, che vedrà la luce nei prossimi mesi.

Si tratta della prima esecuzione assoluta della trascrizione per Orchestra della celebre opera pianistica di Pyotr Ilyich Tchaikosvky "Album per la gioventù" Op. 39, realizzata in prima mondiale dal M° Jacopo Rivani appositamente per La Corelli, di cui da 10 anni è Direttore principale.

Un omaggio ricco di significato e un traguardo importante in vista del decennale dell'Orchestra, le cui radici risiedono in un ambizioso progetto, formulato e condiviso per la prima volta nel 2010 da alcuni giovani musicisti del territorio ravennate accomunati dal desiderio di creare con le proprie sole forze una realtà artistica nuova, pensata e ideata in piena autonomia. Sono trascorsi 10 anni da quel giorno, e oggi La Corelli è una realtà conosciuta e apprezzata su tutto il territorio nazionale, ma che conserva intatto il senso di appartenenza alla sua città d'origine, legando a doppio filo la propria attività ai momenti salienti della vita pubblica e culturale di Ravenna, famosa e amata in tutto il mondo.

Con progettualità, lungimiranza e ambizione La Corelli ha messo a punto in questi 10 anni un apparato professionale e artistico capace di dialogare con le maggiori Istituzioni culturali del panorama nazionale attraverso collaborazioni prestigiose (Ravenna Festival, Emilia Romagna Teatro, Varignana Music Festival, Parma OperArt, Associazione Angelo Mariani, Ente Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Associazione per Villa Sorra, Etruria Faber Music, Centro di Cinematografia Sperimentale di Roma e molte altre) e ampliando continuamente la propria gamma di ensemble e generi musicali, con un'offerta che è andata allargandosi nel tempo fino a spaziare dal barocco al classico sinfonico, passando per il balletto, l'opera, il repertorio jazz e blues, fino alla musica da film e leggera.

Domenica 13 settembre alle ore 18 avremo il piacere di ospitare, nel giardino della Fondazione Baracchi a Bibbiena, la formazione de La Corelli composta da 13 professori d’orchestra così suddivisi:

Quintetto d’archi a parti reali, Flauto, Oboe, Clarinetto, Fagotto, 2 Corni, Tromba, Arpa.

L’Orchestra è ormai punto di riferimento per i musicisti del territorio e autentica fucina artistica che negli anni ha ospitato un lungo parterre di Direttori ospiti e di giovani talenti musicali, facendosi conoscere in prestigiose Rassegne nazionali e internazionali.
Alla sua guida come Direttore principale, Jacopo Rivani, che a dispetto della giovane età ha all'attivo scritture per alcuni dei principali Festival musicali internazionali (tra gli altri, Ravenna Festival”, “Festival Como Città della Musica” ed "Emilia Romagna Festival") e ha diretto compagini come la Haydn Orchester di Trento e Bolzano, l’Orchestra Filarmonica Arturo Toscanini, l'Orchestra Regionale dell'Emilia Romagna, l'orchestra "I Pomeriggi Musicali di Milano", l’Orchestra Sinfonica del Teatro Rendano di Cosenza, la FORM – Orchestra Filarmonica Marchigiana, “Italian Chamber Opera Ensemble”, l’Orchestra Sinfonica della Repubblica di San Marino, l’Orchestra 1813 di Como, l’Orchestra Filarmonica Italiana e molte altre.

I numeri dell’album saranno introdotti da una serie di letture tratte dai lavori di Gianni Rodari e narrate da Gianni Parmiani, amatissimo attore romagnolo che del palcoscenico ha fatto la sua casa e una ragione di vita.  
Dunque musica classica e parole anche per celebrare rispettivamente il 180° anniversario della nascita di Tchaikosvky, compositore russo tra i più stimati dell’ottocento e uno dei padri musicalmente del balletto classico, e il 100° anniversario della nascita dello scrittore Gianni Rodari, anche pedagogista giornalista e poeta, specializzato in letteratura per l’infanzia. 

Ingresso gratuito con prenotazione al 338-7299666 (sms e whatsApp).

L’evento si svolgerà nel pieno rispetto delle normative anti Covid19, pertanto sarà obbligatoria la mascherina, e i posti disponibili, tutti a sedere, rispetteranno le regole del distanziamento sociale.

ANG 1836 1   ANG 1795  

Gianni Parmiani

 

 

Una lucciola sul palmo della mano

Elisabetta Salvatori, eccellente raccontatrice di storie, già nostra ospite nel 2013, ritorna tra noi sabato 5 settembre alle ore 18 per presentarci il suo ultimo lavoro concepito durante il lockdown: Una lucciola sul palmo della mano - Vita di Maddalena di Canossa.

Una lucciola sul palmo della mano scritto

Il sussurrare del Bosco di Casina

Domenica 30 agosto, un bosco urbano e un bosco selvaggio nel paese di Bibbiena si incontrano fra natura, musica e scienza per offrirci risorse dalle molte sfaccettature e abitare con più saggezza la terra.

Una passeggiata dove antichi simboli, suggestioni musicali e riflessioni filosofiche si offrono per rintracciare quei segni antichi che ci raccontano di quanto il mondo vegetale, dalla notte dei tempi, ha consentito il nostro adattamento per la sopravvivenza. Spunti per riconoscere di essere parte di un meccanismo perfetto e in continuo mutamento e ricollocarci non più al centro dell’universo ma come parte di un tutto.

Guide d’eccezione in questo percorso naturalistico saranno Wolfgang Fasser e Antonella Di Maggio, musicoterapeuti e naturopati, che ci accompagneranno con parole, musica, sapienza, saggezza e cura.

Il sussurrare del Bosco di Casina, apre ad un’esperienza di ascolto per ripensare la nostra relazione col mondo naturale con cui coltivare un legame forte e salutare, coniugando le ricerche scientifiche e la cultura antica che ci viene dalle piante per prenderci cura di noi stessi e della nostra terra.

L’itinerario della camminata si divide in due parti: un percorso facile nel Bosco di Casina pubblico, e una seconda parte di media difficoltà nel Bosco di Casina privato. Durata totale di circa due ore, comprese le soste.

Per partecipare dotarsi di scarpe da trekking e pantaloni lunghi. Il ritrovo dei partecipanti alle ore 17 e la partenza sono presso l’ingresso del Bosco Urbano Pubblico in via Bosco di Casina, sulla destra, prima di arrivare al n.12 dove si trova la sede della Fondazione Baracchi.

Per problemi di logistica il numero massimo dei partecipanti non potrà essere superiore alle 40 persone. Per il senso di responsabilità verso noi stessi e gli altri, come il nostro tempo ci richiede, preghiamo l’uso della mascherina che potremo abbassare durante l’attività di movimento.

Per info e prenotazioni sms e whatsapp al 338-7299666.

SERATA DELLO STUPORE con Wolfgang Fasser e Shalom Klezmer

Questa prima fase di “Ricominciamo!” si concluderà venerdì 24 luglio con la “Serata dello stupore”: anche in questo caso musica e parole insieme a Wolfgang Fasser che ci inviterà ad accogliere e vivere la bellezza della natura e accompagnerà le sue riflessioni con una musica coinvolgente e festosa che eseguirà insieme al suo gruppo Shalom Klezmer.
Come al solito conduce la serata il nostro collaboratore e amico, il giornalista e scrittore Massimo Orlandi .

Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria al 338-7299666

Mascherina obbligatoria!

In Attesa di Naturalmente Pianoforte "IL SENSO NASCOSTO DELLE COSE"

Martedì 14 luglio quarto appuntamento di RICOMINCIAMO!
Una serata dedicata al festival “Naturalmente Pianoforte”:
la manifestazione doveva svolgersi proprio in questa settimana. Per tenerla viva e abbracciare idealmente tutto il Casentino che l’avrebbe accompagnata e sostenuta, verrà proposto un incontro con il direttore artistico Enzo Gentile e un recital con il musicista e attore Luca Mauceri che proporrà "Il senso segreto delle cose": un viaggio sospeso tra musica e parole, una navigazione poetica, una meditazione sulla vita. Brani strumentali, qualche canzone d’autore e la recitazione di alcuni brevi testi a tracciare la rotta di questo viaggio.

Prenotazione obbligatoria al 338-7299666 (sms e whatsapp)

UNDER CONCERT

Domenica 5 luglio ancora tanta musica e questa volta anche tanta gioventù con i cantanti  Under accompagnati dalla band Copper Key:
giovani talenti che metteranno in mostra le loro qualità proponendo tante belle interpretazioni del genere pop rock.

Ospite della serata la cantautrice Pia Tuccitto che canterà alcuni brani del suo nuovo album “Romantica io” accompagnata da Luca Longhini alla chitarra.

ABBI CURA DI ME

Una serata di musica e parole che prenderà spunto dalla canzone di Simone Cristicchi e dalla biografia omonima dell'artista romano scrtta con il giornalista e scrittore Massimo Orlandi.
Cristicchi sarà il grande ospite della serata insieme a don Luigi Verdi responsabile della Fraternità di Romena.

EVENTO SOLD OUT

RICOMINCIAMO!

Un programma di eventi all’aperto proposti dalla Fondazione Giuseppe e Adele Baracchi a partire dal 23 giugno.
Ingresso gratuito su prenotazione fino ad esaurimento dei posti disponibili (messaggi/chat al 338-7299666)

 

 

ISTRUZIONI PER INGRESSO EVENTO DI STASERA 23 :

Buongiorno, oggi Ricominciamo insieme a tutti coloro che hanno deciso di passare la serata di oggi 23 giugno insieme a noi .

Esattamente due anni fa per la casa di via Bosco di Casina era “Un Nuovo Inizio”. Passati Solo due anni, ma quante cose nel frattempo che ci hanno fatto perdere il senso del tempo che appare sospeso, senza tempo...

Ma stasera Ricominciamo!! E lo facciamo con una realtà importante del nostro territorio e amica da sempre... la Nata, che ci allieterà con parole e musica Omaggio a una generazione perduta.

Chi non si fosse prenotato può farlo direttamente all’ingresso stasera a partire dalle ore 19.45.

Istruzioni per il pubblico: 1. Venite con la mascherina che sarà obbligatoria!! 2 . Se si forma la fila rispettate le distanze in modo ordinato 3. Registrate la presenza firmando accanto al vostro nome, con tale firma sottoscrivete anche l’auto dichiarazione Covid-19 che leggerete ben in evidenza accanto al vostro recapito. 4. Igienizzate le mani prima di firmare 5. Verrete accompagnati al vostro posto a sedere 6. Si prega di non spostare le seggiole e di alzarsi solo in caso di necessità . Per l’uscita seguite le istruzioni che vi verranno fornite .

Ogni passaggio e fase saranno seguiti e agevolati da personale addetto. Così come i controlli. Inoltre ci affidiamo al vostro senso di responsabilità e rispetto del luogo e degli altri .

Per il parcheggio segnaliamo quello presso le scuole elementari e il Comune, di V.le Michelangelo a sinistra dopo lo stop in salita, molto vicino, e quello di via Bicci Di Lorenzo sotto Itis. Naturalmente anche lungo la via Bosco di Casina, non sarà invece possibile accedere a quello interno riservato a tecnici e artisti. Grazie della collaborazione, a presto!! Nel frattempo osservate le geometrie 2020...

Linee AperTE - Sostegno Psicologico Emergenza Coronavirus

Carissimi Amici Casentinesi, 
a causa dell’emergenza COVID-19, ci troviamo purtroppo a vivere in un delicato periodo di distanziamento sociale e di sospensione delle attività lavorative che ci vede tutti isolati, lontani, ognuno nelle proprie abitazioni.Indubbiamente uno scenario nuovo e imprevisto che per ognuno di noi può trasformarsi da crisi in occasione di riscoperta di valori, legami e priorità forti o al contrario diventare un momento di vulnerabilità psicologica.
Ci sentiamo spesso soli e privati delle nostre libertà individuali, costretti a cambiare abitudini e modi di vivere le relazioni. Ogni giorno impegnati a gestire molteplici informazioni ed emozioni di natura diversa | paura, dolore, solitudine, ansia.
In famiglia, siamo obbligati a condividere maggiormente tempi e spazi, talvolta soffocanti, che possono amplificare le conflittualità con genitori, figli o partners…
Insomma ci ritroviamo alle prese con fatiche individuali e familiari che possono essere fonte di disagio psicologico o semplicemente di stress.
Per questo, abbiamo pensato al nostro territorio, alla nostra Comunità e a tutte le famiglie che, in questo frangente, potrebbero aver bisogno di un supporto professionale, di un confronto con esperto, di uno spazio di ascolto e sostegno psicologico.
Ci sentiamo di dare il nostro contributo, a distanza, ma presenti! Non potendo incontrarci di persona, abbiamo pensato di “avvicinarci” al telefono. 
In continuità con il nostro stile di accoglienza e condivisione che molti di voi conoscono presso la sede della Fondazione Baracchi, ora chiusa per esigenze di contenimento del virus, intendiamo trasformare temporaneamente il progetto “Porte AperTE” (in collaborazione con il Nuovo Laboratorio di Psicologia di Arezzo) in “Linee AperTE”

Cosa è?
Un servizio gratuito – attivo già da subito – di ascolto e sostegno psicologico telefonico, con garanzie di privacy e riservatezza, nato dallo spirito volontaristico di psicologi-psicoterapeuti che in questo momento di crisi mettono a disposizione il loro tempo e la loro competenza professionale per la collettività 

Perché?
Per affrontare il disagio individuale o familiare legato all’emergenza del virus COVID-19 

A chi si rivolge?
Individui, coppie, genitori, figli, anziani 

Modalità di accesso
Chiamata telefonica nelle fasce orarie giornaliere indicate.
Colloquio della durata massima di 30 minuti 

Équipe di professionisti Psicologi-Psicoterapeuti
Nuovo Laboratorio di Psicologia di Arezzo 

02

Chiusura locali sede e sospensione attività

A seguito dei provvedimenti assunti a livello nazionale per fronteggiare l’emergenza Coronavirus, tutte le attività della Fondazione che richiedono l'utilizzo dei locali presso la sede di Bibbiena in Via Bosco di Casina 12, sono sospese fino a data da destinarsi.

Utilizziamo questo tempo che siamo costretti a passare nelle nostre abitazioni isolati dai contesti amicali, sociali, culturali e lavorativi, per riflettere, leggere, utilizzare gli audiovisivi. A questo proposito vi suggeriamo di visitare la sezione dedicata alle nostre pubblicazioni, la sezione audio video, il nostro canale youtube e la nostra pagina FB.

Sperando di poterci ritrovare quanto prima nella nostra casa di Bibbiena e con la bella stagione nel nostro giardino, vi auguriamo un buon ascolto e una buona visione accompagnati da un abbraccio virtuale.