Iscriviti alla Newsletter della Fondazione Baracchi per ricevere gli aggiornamenti
Privacy e Termini di Utilizzo

facebook bloggeryoutube

sol
 

Fondazione Giuseppe e Adele Baracchi Onlus

Sede legale: Viale F.Turati 84
52011 Bibbiena (AR)
C.F. 94002370511
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.




assifero logo socio

La Realtà è più avanti

Domenica 17 Aprile ore 15.30 - Auditorium di Romena

La realtà è più avantiWeb

- Persone che di fronte a un problema non si chiedono Se, Ma, Come: "come posso fare a cambiare le cose". E ci riescono!
Storie che dimostrano che si può fare davvero, che il cambiamento è alla portata di tutte e tutti, storie che ci invitano a prendere consapevolezza profonda che il nostro sogno è alla portata e che il mondo è pieno di persone come noi, pronte ad attivarsi e a superare ogni ostacolo per costruire un mondo sostenibile a livello personale, sociale, ambientale, economico e politico.
Un modo nuovo per raccontare il viaggio nell'Italia che Cambia!

Approfondisci  Visita il sito de "La realtà è più avanti"

 

Il viaggio nel Casentino che Cambia continua!

Viaggio20nel20casentino20che20Cambia

Sabato 23 gennaio dalle ore 17.30 presso il Centro Creativo Casentino di Bibbiena (Via Umbro Casentinese,1), una nuova tappa del viaggio 

A otto mesi dalla presentazione del portale casentino.checambia.org arriva un nuovo incontro collettivo della comunità del Casentino in Cambiamento.

Casentino che Cambia è stato inaugurato a maggio dello scorso anno dopo un percorso di conoscenza e mappatura condotto dal giornalista Daniel Tarozzi e dallo staff di “Italia che Cambia” grazie al sostegno della Fondazione Giuseppe e Adele Baracchi.

Nell’aprile 2014 la Fondazione aveva invitato come ospite degli  incontri “Le Parole e il Silenzio” Daniel Tarozzi, ideatore e direttore editoriale del progetto "Viaggio nell'Italia che Cambia", in un incontro molto partecipato dalle realtà del Casentino aperte ad una nuova visione del mondo, più etica, sostenibile, innovativa.

Da questo incontro, dall'entusiasmo che ne scaturì e dalla sinergia con la Fondazione Baracchi, nacque l'idea di partire proprio dal Casentino per sviluppare il progetto di creazione di portali territoriali, già in elaborazione all'interno di Italia che Cambia.

Un "viaggio" che ha portato alla mappatura di oltre 40 realtà, alla realizzazione di un documentario che racconta le esperienze di questo territorio evidenziandone comunità di intenti e valori, connessioni ed anche le compatibili divergenze, e alla realizzazione del primo portale territoriale di Italia che Cambia.

Il portale nasce per far emergere la ricchezza del territorio e sostenere la messa in rete di idee, saperi, competenze e la nascita di nuove progettualità. Al suo interno, oltre la mappa, un giornale e una sezione "social" in cui gli utenti registrati possono interagire, proporre iniziative, organizzare eventi, creare gruppi di discussione.

Casentino che Cambia, come tutti i portali territoriali, vuole essere uno strumento a disposizione del territorio e non solo uno spazio virtuale ma anche un luogo pratico dove si facilita il cambiamento attraverso l'incontro.

La collaborazione con il Centro Creativo Casentino, che ha messo a disposizione la sua sede al progetto, ha reso possibile l'incontro reale.

In questi mesi Casentino che Cambia ha raccontato il Casentino "in cambiamento", incontrato nuove realtà, aggiunto nuove funzionalità al portale, avviato progetti in connessione con altre interessanti realtà nazionali e avviato percorsi di facilitazione per nuovi progetti.

Sabato 23 gennaio a partire dalle ore 17.30 presso il Centro Creativo Casentino di Bibbiena, sarà l'occasione per fare il punto e condividere e scoprire il futuro di questo progetto. L'invito è rivolto a tutte le realtà che si riconoscono nei valori dell' "Italia che Cambia" (http://casentino.checambia.org/sp/sette-sentieri/)  e a chiunque voglia far parte di questo "viaggio".

All'incontro saranno presenti anche Daniel Tarozzi e Andrea Degl'Innocenti, presidente dell'associazione "Italia che Cambia".

Ci conosceremo, conosceremo le nuove realtà emergenti in Casentino, i cambiamenti e i nuovi progetti delle realtà già mappate e verrà presentato il progetto "Asilo nel Bosco".

A seguire aperitivo e musica con Anna Iorio, in arte Sorgente.

cas

 

38118e13a1924b7599215740d2a88809


 

Voli di Speranza

Nell'augurarvi un sereno Natale e un nuovo anno di pace e di speranza vi invitiamo a rivedere i bei momenti dell'incontro Voli di Speranza presso l'Auditorium di Romena

Guarda l'incontro

7584

Voli di speranza

LocVentennaleWeb

La Fraternità di Romena e  Rondine Cittadella della Pace si incontrano in occasione dei 20 anni della Fondazione Baracchi per un pomeriggio di testimonianze e spettacolo

Un pomeriggio di incontri, testimonianze e musica per incrociare le traiettorie di tre realtà del nostro territorio impegnate per la pace e la solidarietà. Si intitola “Voli di speranza” l'iniziativa in programma sabato 12 dicembre, ore 16, presso la pieve di Romena: in occasione dei 20 anni della Fondazione Giuseppe e Adele Baracchi, la colomba, che accompagna il cammino della Fraternità di Romena e la rondine, simbolo della omonima Cittadella della Pace, voleranno insieme per testimoniare che è la speranza a dare le ali a ogni cammino di vita.

Questo incontro a più voci ha una valenza fortemente simbolica: nel corso della sua attività, iniziata nel 1995, la Fondazione Baracchi ha  accompagnato e promosso tante realtà sociali e culturali della nostra terra,  con una attenzione particolare  proprio a Rondine e Romena.

Entrambe queste realtà, nell'ottica della Fondazione, sono impegnate a sostenere la crescita di ogni uomo: a Rondine, grazie all'incontro tra giovani studenti di Paesi in conflitto,  si sperimenta concretamente che la pace tra i popoli è possibile, a  Romena, grazie alle attività che animano l'antica pieve, tanti  viandanti di questo tempo trovano  uno spazio di autenticità per ritrovare se stessi e un senso per vivere.

L'incontro “Voli di speranza” metterà insieme persone, immagini, testimonianze artistiche e musicali di tutte queste realtà per comporre un pomeriggio stimolante e festoso.

Nel corso dell'incontro, cui naturalmente parteciperanno i responsabili della Fraternità di Romena (don Luigi Verdi) e di Rondine Cittadella della Pace  (Franco Vaccari), verrà presentata la testimonianza-spettacolo “Dissonanze in accordo” con la partecipazione degli studenti della Cittadella della Pace e dell'orchestra Ensemble di Rondine.

Sullo sfondo della giornata il ricordo vivo e presente di Giuseppe e Adele Baracchi che quest'anno ci hanno lasciato ma che continuano a essere presenti attraverso le attività che hanno promosso e sostenuto con tanto slancio. 

L'ingresso a “Voli di speranza” è, naturalmente,  libero.

 

“Voli di speranza” - Le tre realtà coinvolte

 

La Fondazione Giuseppe e Adele Baracchi

Testimoniare l'amore per la propria terra attraverso la creazione di un punto di riferimento culturale al servizio di tutto il Casentino. E' questo l'obiettivo di fondo della Fondazione dedicata a Giuseppe e Adele Baracchi e da loro creata nel 1995.

Da vent'anni la Fondazione promuove numerose iniziative sociali e culturali, animata dall'intento di sviluppare nel territorio nuove sensibilità, cercando di valorizzare risorse e patrimoni locali. 

La Fraternità di Romena

Un porto di terra, dove possano approdare in libertà i viandanti del nostro tempo in cammino verso se stessi, e in ricerca di un senso per vivere. A tutti loro Romena offre uno spazio dove sostare e dove “fare casa”, prima di partire di nuovo.

La Fraternità nasce nel 1991 intorno a una bellissima pieve romanica a cui cerca di ispirarsi per essere dono di semplicità, di accoglienza e di silenzio per chiunque si avvicina. 

Rondine - Cittadella della Pace

Giovani provenienti da Paesi identificati dalla storia come “nemici” arrivano nel borgo medievale di Rondine, vicino ad Arezzo, per sperimentare insieme che la convivenza e la pace sono possibili e per diventarne ambasciatori nei loro Paesi d'origine.

Intorno al loro cammino di formazione e di studio si sviluppano percorsi artistici, culturali e sociali che fanno di Rondine una vera scuola di pace, tanto che quest'anno la Cittadella è stata candidata al premio Nobel.  

  

Incontro d'autunno de Le Parole e il Silenzio 2015

Locandina Ermes Web

“Vivere è l'infinita pazienza di ricominciare”: è questa la suggestiva espressione di padre Ermes Ronchi  da cui prenderà il via il prossimo appuntamento del percorso “Le parole e il silenzio” in programma domenica 8 novembre (ore 15, ingresso libero) alla pieve di Romena in Casentino. E sarà proprio padre Ermes, frate dei servi di Maria, nonché una delle voci più profonde, poetiche e libere della spiritualità di oggi il protagonista dell'incontro.

“L'infinita pazienza di ricominciare, ogni giorno ritrovare se stessi, ogni giorno abbracciare l'infinito” è il titolo dell'iniziativa che si inserisce nel ciclo 2015, intitolato “Ritorno a casa” per esprimere il bisogno, per ciascuna persona, di uscire dalle frenesie del quotidiano per ritrovare una dimensione familiare, dove esprimere se stessi. E' parte di questo percorso il bisogno di  tenere uno spazio aperto, nel quale ciascuno possa mettere silenzio, preghiera, ascolto profondo, al fine di trovare la spinta giusta, ogni giorno, per ricominciare. Ermes Ronchi, poeta della fede e della vita, con le sue parole e la sua testimonianza alimenterà la ricerca e il cammino per riconoscere questo spazio, così prezioso per la nostra esistenza.

Frate dell’Ordine dei Servi di Santa Maria, Ermes Ronchi è nato nel 1947 a Racchiuso di Attimis in Friuli (UD). Ha compiuto gli studi filosofici e teologici a Roma presso la Pontificia facoltà teologica Marianum e si è perfezionato a Parigi.
I suoi grandi maestri sono stati padre Giovanni Vannucci e David Turoldo. E padre Ermes Ronchi sintetizza con originalità le loro grandi doti: la profondità e l'apertura di Vannucci e l'afflato poetico di Turoldo. Attualmente vive nel convento di San Carlo al Corso Milano, di cui è priore e dove dirige il centro culturale Corsia dei Servi.

Collabora con diversi giornali e riviste e per cinque anni ha curato il commento al Vangelo della domenica per la trasmissione televisiva “A sua immagine” su Rai Uno.

Docente al Marianum, è autore di numerosi libri. Due di questi “Il futuro ha un cuore di tenda” e “Una fede nuda” li ha pubblicati con le Edizioni Romena.

Il percorso Le parole e il silenzio è organizzato dalla Fondazione Giuseppe e Adele Baracchi. L'incontro sarà condotto come sempre dai giornalisti Paolo Ciampi e Massimo Orlandi.

ermes pieghevole fronte Web

ermes pieghevole retro Web

Romena Incontri: Uomo dove sei?

locandinaridimensionata

 

pieghevole1

pieghevole2

Uomo dove sei? Dal 18 al 20 settembre a Romena una riflessione a più voci sui grandi temi della vita e della convivenza fra gli uomini

www.romena.it

Twitter: @romenapieve

Facebook: Fraternità di Romena onlus

  

PRATOVECCHIO-STIA (Ar) - “Uomo dove sei?. “Dov'è tuo fratello?”  Le prime domande che il Dio della Bibbia pone all'uomo saranno al centro dell'incontro “Uomo, dove sei?” in programma a Romena, in Casentino (Ar) da venerdì 18 a domenica 20 settembre.

Da Cecilia Strada, presidente di Emergency, che aprirà l'incontro, sino a don Luigi Ciotti e al cardinale Walter Kasper, che lo concluderanno,  grandi testimoni del nostro tempo,  si confronteranno sui grandi temi del presente per capire in che modo l'umanità di oggi affronti le grandi questioni della vita e della convivenza fra gli uomini.
Ci saranno, tra gli altri, don Antonio  Mazzi, fondatore delle comunuità Exodus, la teologa Antonietta Potente, e ancora Rita Giaretta e gli artisti Luca Mauceri e Gisela Carmona Galvez.

Il cammino di “Uomo dove sei?”, organizzato dalla Fraternità di Romena, si svilupperà dalla sera di venerdì 18 al pomeriggio di domenica 20: ciascuno potrà partecipare a tutto il percorso (per info e iscrizioni 339-7055339, email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) oppure scegliere liberamente di vivere anche soltanto un momento. Tutti gli appuntamenti, quelli di incontro e quelli ricreativi, si svilupperanno tra la pieve e i nuovi spazi della fattoria.

 

Il programma 

Venerdì 18 settembre

Il cammino di Uomo dove sei? inizierà venerdì sera (ore 21) con un intervento introduttivo di don Luigi Verdi, fondatore e responsabile della Fraternità di Romena cui seguirà  la testimonianza di Cecilia Strada, presidente di Emergency, la Ong fondata dal padre, Gino Strada nel 1994, per offrire cure medico-chirurgiche gratuite e di elevata qualità alle vittime delle guerre, delle mine antiuomo e della povertà. 

Sabato 19 settembre

La mattinata si aprirà (ore 10)  con l'intervento di Antonietta Potente. Suora domenicana e teologa, la Potente offrirà il frutto delle sue riflessioni e delle sue intuizioni sempre originali e profonde alla luce di una spiritualità fortemente ancorata al presente. A seguire (ore 11.30) l'incontro con Rita Giaretta. Suor Rita  vive nel casertano da 18 anni mettendo al centro del suo impegno  il mondo della tratta e dello sfruttamento della prostituzione.

Nel pomeriggio del sabato (ore 15.30) arriverà a Romena un sacerdote che da sempre si occupa di aiutare i giovani a liberarsi dal giogo delle dipendenze e a ritrovare un cammino di vita:  don Antonio Mazzi.  Don Mazzi racconterà le esperienze di riscatto e di riannuncio di vita che avvengono ogni giorno nelle comunità Exodus, da lui fondate, dove si affrontano le piaghe delle dipendenze e si inizia il cammino di recupero che segue o completa una pena detentiva.

La giornata del sabato si concluderà con uno spazio riservato all'arte e alla cultura: perché è anche attraverso la creatività che l'umanità può ritrovare il senso del suo cammino. Alle 17.30 è in programma una testimonianza artistica di danza e teatro a cura di Gisela Carmona Galvez, già prima ballerina del teatro musicale di Firenze, e di Luca Mauceri attore e compositore. In serata, ore 21, uno spettacolo teatrale, con Luca Mauceri che metterà in scena Novecento, il monologo teatrale scritto da Alessandro Baricco.

Domenica 20 settembre

Nella giornata conclusiva del percorso, l'interrogativo Uomo dove sei? Dov'è tuo fratello? tuonerà nella voce e nelle appassionate parole di don Luigi Ciotti, fondatore del gruppo Abele e presidente di Libera, una vita dedicata all'impegno per liberare l'uomo dal giogo delle mafie, delle ingiustizie, delle sopraffazioni. L'appuntamento con don Luigi, grande amico della Fraternità di Romena, è alle ore 10.

Nel pomeriggio, dopo la presentazione (ore 15) del libro “Noi e Martini”, dedicato al cardinale Martini da parte del curatore Marco Vergottini, l'intervento conclusivo (ore 15.30): sarà una conversazione pubblica in cui l'intervistatore sarà il giornalista Raffaele Luise, e l'interlocutore il cardinale Walter Kasper, uno dei collaboratori più stretti di Papa Francesc, recente autore del libro,  “Misericordia”, concetto chiave della vita cristiana. 

 

Il nostro saluto a Giuseppe e Adele

Il loro sorriso e la loro vita "a regola d'arte", continueranno ad accompagnarci e ad illuminarci, ora più che mai, nel nostro cammino di promozione culturale e sociale.
Nel 2015, Giuseppe il 13 febbraio e Adele il 15 luglio, ci hanno lasciato i coniugi Baracchi fondatori della Fondazione che porta i loro nomi. Li ricordiamo con grande affetto, stima e riconoscenza infinita.

BeppeAdeleritaglio

"Semina i tuoi sogni, crescerà la tua vita" di Massimo Orlandi e Paolo Ciampi  

A distanza di solo cinque mesi da Giuseppe se ne è andata anche Adele; dopo 71 anni di matrimonio, di vita feconda insieme, non potevano rimanere lontani a lungo: ne siamo certi, si sono chiamati nel nome di quell'amore che ha sempre ispirato le loro vite e il loro operato sociale.
La Fondazione che porta i loro nomi, è ora orfana dei suoi fondatori e ispiratori, ma il suo operato continuerà ancora e più di prima a testimonianza del loro amore e riconoscenza per la propria terra.  Ricordiamone allora i principi ispiratori e come è nata nel 1995...

mia salute nella malattia 1

COME NASCE LA FONDAZIONE GIUSEPPE E ADELE BARACCHI DALLE STESSE PAROLE DEL SUO FONDATORE
(cap.XIII di: Un uomo Un imprenditore Una storia - Dal primo dopoguerra al Duemila attraverso la vita di Giuseppe Baracchi, Ricordi e testimonianze raccolte da Antonio Macinai, 1999)

Nei nostri primi incontri ha fatto riferimento ad un'esigenza interiore, sempre sentita, di venire incontro alle persone meno favorite dalla sorte. Ha anche precisato che, non solo per motivi di disponibilità di tempo, ma soprattutto per sensibilità e capacità psicologica di approccio verso le persone da aiutare e sostenere nelle più svariate forme, Adele, sua moglie, è sempre stata in prima fila in questa meritoria opera di aiuto e assistenza. Ma in che forme, avete dato concretezza a questa comune sensibilità?

Effettivamente ho sempre sentito nell'intimo il desiderio di fare qualcosa per gli altri; la mia sofferente fanciullezza e le conseguenti attenzioni dei miei familiari hanno probabilmente lasciato un segno in questo senso.

Nel 1943, ancora giovanissimo e già vice-direttore dello stabilimento Sacelit di Alzano Lombardo, malgrado i grossi impegni di lavoro, alla sera ricevevo in casa gli operai che desideravano avanzare di livello diventando specializzati. Li istruivo su argomenti di lavoro ed in particolare davo loro lezioni di meccanica ed elettrotecnica. Nell'anno successivo, insieme ad un sacerdote, impiantai un'officina meccanica dotata di macchine operatrici, donate da alcune industrie, con lo scopo di creare una scuola per giovani desiderosi di diventare bravi operai. Nel 1962, quando la Baraclit fu trasformata in Società per azioni e fu costruito lo stabilimento di Pianacci, mi battei strenuamente per far diventare soci gli impiegati, riservando loro una percentuale, seppur modesta, del capitale sociale. Per quei tempi fu una scelta inusuale e coraggiosa; ricevetti critiche e disapprovazioni, ma i risultati hanno dimostrato ampiamente quanto positiva e lungimirante sia stata quella mia iniziativa.

Nel 1975, nei locali dell'oratorio di Bibbiena, furono organizzati, per mia iniziativa, corsi di formazione pratica denominati "Conoscere". Erano completamente gratuiti, anche per la preziosa collaborazione di insegnanti volontari ed esperti nelle varie materie. Erano aperti a tutti coloro che, uomini e donne, fossero interessati ad apprezzare la musica e la pittura, ad imparare a cucinare, a fare giardinaggio, a prendere dimestichezza con l'elettricità, a fare fotografie, ad acquisire gli elementi essenziali di medicina e pronto soccorso.

Nel 1985, riscosso un premio per un mio brevetto, destinai la metà della somma alla creazione di un fondo a favore degli operai della nostra Azienda che avessero incontrato particolari difficoltà, anche in seno alla propria famiglia.

Riflettendo bene, con tutta sincerità, penso che altri fattori abbiano incentivato questo mio altruismo: forse un po' di ambizione, senz'altro le buone disponibilità economiche e in modo preponderante l'esempio di mia moglie, estremamente generosa e sempre pronta ad aiutare il prossimo, in qualsiasi modo e forma.

E' su queste basi che è nata la Fondazione Giuseppe e Adele Baracchi?

Sì, è un'idea che è nata in maniera praticamente spontanea con l'approssimarsi del mio ritiro dalla vita lavorativa allo scopo di utilizzare una parte del frutto di tanto lavoro in favore dello sviluppo socio-culturale del Casentino. L'iniziativa e la sua concreta realizzazione sono state pienamente condivise dai miei familiari che si sono impegnati a renderla operativa nel tempo. Nella denominazione non poteva mancare, associato al mio, il nome di mia moglie, fedele compagna che ha saputo condividere tante gioie e soddisfazioni, ma anche le difficoltà di una vita non sempre facile e spesso problematica. E' così che nel 1995 è stata costituita, con regolare rogito notarile e nel rispetto della legislazione che regola le associazioni no-profit, la Fondazione Giuseppe e Adele Baracchi.

fondazione-c

Da allora ad oggi la Fondazione ha svolto un'intensa attività in vari settori, da quello musicale con concerti di buon livello, a quello artistico con il restauro di opere d'arte, a quello socio-formativo con l'organizzazione di incontri per i giovani e per gli appartenenti alla terza età dal titolo "Le Stagioni della Vita". Tra le iniziative più importanti, mi fa piacere ricordare il Concerto di Franco Battiato a La Verna e quello degli Avion Travel in Piazza Grande a Bibbiena, come momenti musicali di qualità che hanno riscosso un grande successo di pubblico.

Nel settore della solidarietà, il nostro contributo è stato particolarmente attivo per il Progetto Rondine Cittadella della Pace. Abbiamo ritenuto che questa iniziativa di far studiare insieme giovani provenienti da zone di conflitto, meritasse grande attenzione e fiducia, specie in una società lacerata dalla violenza come quella attuale.

Quanto alle collaborazioni promosse dalla Fondazione con gli Enti locali, siamo orgogliosi di aver contribuito al recupero del Teatro Dovizi e speriamo vivamente di riuscire a condurre in porto la riqualificazione di Piazza Tarlati, nell'ambito del progetto 'Bibbiena 2000', con l'aiuto dell'Amministrazione Comunale.

Noi ci auguriamo che l'attività della Fondazione possa consolidarsi in futuro e svolgere un ruolo sempre più meritorio, non solo nell'organizzazione di eventi che suscitino processi di crescita culturale, ma anche nello sviluppo di progetti autonomi od in collaborazione, tali da far migliorare il Casentino in vivibilità ed immagine esterna.

Concludendo, noi speriamo fortemente, che le nostre iniziative possano generare un effetto di trascinamento come già avvenuto negli anni '60 per il settore della prefabbricazione. Anzi, ci sembra di aver percepito qualche movimento in questo senso. Ce lo auguriamo di cuore!

Bibbiena, Luglio 1999


Da quel 1999, data di pubblicazione del libro intervista a Giuseppe, ad oggi, la Fondazione, come testimoniato da questo sito, ha proseguito nelle sue molteplici attività seguendo i principi ispiratori di Giuseppe e Adele.
Al ciclo di incontri "Le Stagioni della Vita", è seguito il ciclo "Le Parole e il Silenzio"; al sostegno a "Rondine Cittadella della Pace" si è aggiunto quello all'altrettanta bella realtà della "Fraternità di Romena", e molto altro ancora...

Ora che Giuseppe e Adele ci hanno lasciati per sempre, noi figlie continueremo più determinate che mai, insieme ai nostri preziosi collaboratori, nell'opera di promozione socio-culturale della Fondazione, rispettando le volontà dei nostri genitori  con infinita riconoscenza per il loro spirito di illuminati e lungimiranti mecenati.

Silvana e Sandra Baracchi

Ridotta

1814 800x495

Le Parole e il Silenzio 2015

Locandina Alzati e cammina

“Alzati e cammina” non è solo un titolo, ma è anche la proposta operativa del percorso “Le parole e il silenzio”: il secondo incontro del ciclo 2015 si svilupperà infatti come una camminata a piedi nella natura del Pratomagno (ritrovo alle ore 15.30 all'eremo di Quorle), accompagnati da due compagni di viaggio speciali: Luigi Nacci, poeta, scrittore, viandante, autore del libro  “Alzati e cammina”, e  Wolfgang Fasser, custode dell'Eremo di Quorle, nonché guida tra le più speciali: Wolfgang è infatti non vedente, ma esperto di ciò che è invisibile agli occhi. 

 “Le parole e il silenzio”, sono sempre ambientate in spazi suggestivi del Casentino: questa volta lo scenario di “Alzati e cammina” saranno i boschi e la natura. L'appuntamento, per chi vorrà partecipare ( e potrà farlo come sempre liberamente, senza prenotazioni) sarà alle 15.30 presso l'eremo della Fraternità di Romena a Quorle (nel comune di Poppi). Per raggiungere il punto d'incontro basterà seguire la strada comunale che da Ponte a Poppi, via Becarino, raggiunge la piccola frazione di Quorle e l'eremo della Fraternità di Romena posto accanto alla chiesa.

Dopo il ritrovo e una presentazione dell'incontro e dei due protagonisti  da parte dei curatori del ciclo (i giornalisti Paolo Ciampi e Massimo Orlandi), comincerà l'incontro-camminata: sarà una passeggiata di circa due ore adatta a tutti,  scandita da alcune soste nelle quali Nacci e Fasser svilupperanno il tema. Quindi il rientro, le conclusioni e il finale con una merenda conviviale nel prato antistante l'eremo di Quorle.

L'incontro si svilupperà in un'area non distante dalla cima del Pratomagno, dove quella sera culminerà la marcia del sole (www.marciadelsole.it) con l'attesa del solstizio d'estate: i partecipanti all'incontro di Quorle, se vorranno unirsi, avranno tutto il tempo di raggiungere Quota e la croce del Pratomagno in macchina, o, con qualche ora di cammino, anche a piedi. 

Dopo “Incontra te stesso” tema del primo incontro (ospite il saggista Duccio Demetrio), “Alzati e cammina” rappresenterà dunque la necessaria continuazione del percorso di quest'anno del ciclo di incontri organizzato dalla Fondazione Baracchi: attraverso questi incontri l'obiettivo è di favorire un “ritorno a casa” per ciascuno, cioè il recupero di quelle dimensioni nelle quali ci è più facile capirci, incontrarci e rimetterci in moto. Il camminare è una di queste.

 

 

Ritorno a casa ...7 e 20 giugno. 

Ci sono momenti in cui è importante ritrovare il silenzio. Che non è il silenzio della fuga, della rinuncia, del ripiegamento. Piuttosto è il silenzio per riscoprire ciò che veramente conta, per ritrovare, per ripartire. Può succedere, quando vogliamo raccogliere le energie per incamminarsi oltre una crisi; quando avvertiamo il bisogno di riordinare le idee e le priorità della vita; oppure quando è il tempo di riscattare un grande dolore e di attrezzarsi per il futuro. 
Ecco, è questo che vogliamo proporvi: il passo indietro che restituisca le energie per saltare meglio in avanti; il raccoglimento che non è vuoto e assenza di significato, ma esperienza piena, nonché preparazione e invito ad altre esperienze.“Forse solo il silenzio esiste davvero”, affermava il premio Nobel per la letteratura Josè Saramago. E il silenzio può essere davvero una casa da abitare: la casa che ci attendeva e dove possiamo imparare a essere di nuovo noi stessi.
Però esistono anche molte parole importanti, capaci di sostenere e perfino migliorare la qualità del silenzio. Parole che sono verbi che ci riguardano...

Incontra te stesso

Tra tutte le possibilità di incontro è la più difficile: spesso siamo molto lontani proprio da noi stessi. Eppure è importante guardarsi dentro, riconoscersi, riscoprire il nostro 'io' più intimo e spesso trascurato. Magari trovando le giuste parole per raccontarsi: anche questa è cura e nuovo inizio . Ne parleremo col professor Duccio Demetrio, direttore della Libera Accademia dell'autobiografia e fondatore dell'Accademia del silenzio, nonché importante saggista. 

Alzati e cammina

Prima di tutto c'è bisogno di un gesto, come un crinale da oltrepassare. Lasciarsi dietro il passato, scrollarsi di dosso i dubbi e le resistenze: alzarsi. Dopo di che c'è solo la strada. E il nostro cammino, qualunque sia la meta: perché abbiamo ancora bisogno di ascoltare i nostri passi, di sintonizzarsi con il nostro corpo, con i nostri pensieri, con la natura che ci circonda.
Ne parleremo con Luigi Nacci, poeta, scrittore, viandante,  autore di “Alzati e cammina”, e con Wolfgang Fasser, custode dell'Eremo di Quorle. 

Duccio Demetrio 
Duccio Demetrio è un saggista e docente universitario  da sempre attento osservatore della condizione adulta e dei suoi problemi esistenziali. Già professore ordinario di Filosofia dell'educazione e di Teorie e pratiche della narrazione all’Università degli studi di Milano-Bicocca , è ora direttore scientifico della Libera università dell'Autobiografia di Anghiari (AR), da lui fondata nel 1998 con Saverio Tutino e dell'Accademia del silenzio".Tra le sue ultime pubblicazioni: Filosofia del camminare, L’educazione non è finita, Ascetismo metropolitano. L'inquieta religiosità dei non credenti, L'interiorità maschile - la solitudine degli uomini,  La religiosità della terra. 

Luigi Nacci 

Luigi Nacci è insegnante, giornalista, poeta, guida escursionistica e operatore culturale ma  gli piace considerarsi semplicemente un viandante. Vive a Trieste, dove è nato nel 1978.  Progetta e organizza stabilmente eventi culturali in tutta Italia è una guida de “La compagnia dei cammini”. Il suo ultimo libro è Alzati e cammina. Sulla strada della viandanza.

Wolfgang Fasser 

Fisioterapista e musicoterapeuta, è non vedente a causa di una malattia genetica. Nato in Svizzera, vive in Toscana da venti anni. Collaboratore della fraternità di Romena in Casentino, dal 2009 è custode di accoglienza e di silenzio nella casa di Romena a Quorle (Poppi, Ar). Da qui guida gruppi di viandanti nel bosco di notte, in ascolto di ciò che è “Invisibile ali occhi”.
E' presidente dell’Associazione Il Trillo, a Becarino, in Toscana, che offre attività di musicoterapia ai bambini con varie forme di disagio. Al suo cammino di vita è stato dedicato il film “Nel giardino dei suoni” vincitore di vari festival del documentario in tutto il mondo. 

Una giornata per raccontare e incontrare il Casentino che Cambia

Locandina 24maggio-OKWeb

C’è un Casentino vivo e in fermento, che punta sul turismo responsabile, sulla biodiversità, sui prodotti e le eccellenze locali. E c’è uno strumento innovativo che da oggi consente di mettere in rete tutte queste esperienze, raccontarle e farle incontrare. Vieni a conoscere il Casentino che Cambia domenica 24 maggio alle ore 11 a Bibbiena, presso il Centro Creativo Casentino.

Casentino che Cambia ( www.casentinochecambia.org ) è un progetto promosso da Italia che Cambia, in collaborazione con la Fondazione Giuseppe e Adele Baracchi e con il Centro Creativo Casentino, che ha lo scopo di far emergere tutte le esperienze virtuose di valorizzazione del territorio casentinese. 

Il 24 maggio a Bibbiena avrai modo di incontrare e conoscere i protagonisti del Casentino che Cambia e scoprire in anteprima assoluta il nuovo portale web. Il tutto in una giornata costellata di eventi, musica, proiezioni, mostre, spettacoli e degustazioni di prodotti tipici locali.

Casentino che Cambia è il primo dei portali territoriali di Italia che Cambia, una rete di siti interconnessi tra loro che riusciranno a dare voce alle singole regioni e territori d'Italia e alle persone che li vivono quotidianamente facendoli comunicare tra loro. Il Casentino, con i suoi territori incontaminati, le sue foreste, il suo legame forte con le tradizioni è un luogo ideale per lanciare, in anteprima assoluta, uno strumento che si ripromette di cambiare il rapporto delle persone con il territorio, valorizzando pratiche sostenibili e resilienti.

Sul sito www.casentinochecambia.org potrai trovare:

@ una mappa sempre aggiornata in cui sono geolocalizzate tutte le realtà che abbiamo incontrato, con schede di approfondimento e video realizzati dallo staff di Italia che Cambia;

@ un giornale aggiornato quotidianamente dalla nostra redazione locale;

@ una sezione social in cui ogni utente registrato potrà interagire con gli altri e con le realtà della mappa, commentare gli articoli, proporre le sue iniziative e organizzare eventi.

Ma il Casentino che cambia non è soltanto un sito internet. È, soprattutto, un insieme di persone che amano questa splendida terra e che ogni giorno contribuiscono a valorizzarla con le loro iniziative. Per questo nella giornata del 24 maggio, oltre alla presentazione del sito e delle sue funzionalità, è previsto l’incontro con i veri protagonisti del Casentino che Cambia.

L’ingresso è gratuito e durante la giornata sarà offerto un buffet di prodotti locali ai partecipanti.

Saranno presenti Stand delle realtà casentinesi e uno Spazio Dedicato ai Bambini a cura della NATA con storie, canzoni e pupazzi. 

IL PROGRAMMA DELLA GIORNATA

·                Ore 11.00  Presentazione del progetto Casentino che Cambia. Moderano Massimo Orlandi e Paolo Ciampi. Intervengono Daniel Tarozzi, Andrea Degl’Innocenti, Annalisa Baracchi

·                Ore 13.00 Pausa Degustazioni

·                Ore 15.00  Proiezione del documentario “Viaggio nel Casentino che Cambia”

·                Ore 15.45  Presentazione  di "Un altro Casentino" attraverso considerazioni e immagini di Alessandro Ferrini

·                Ore 16.15  Le Realtà Casentinesi si presentano!

·                Ore 17.45  Nata presenta il progetto bilingue "Tippi & Toppi"

·                Ore 18.00  Le Nuove Realtà Casentinesi si presentano!

·                Ore 19.00  Concerto " Il Movimento dell'Anima" di Anna Iorio in arte Sorgente

 

 

 

facebook bloggeryoutube

Iscriviti alla Newsletter della Fondazione Baracchi per ricevere gli aggiornamenti
Privacy e Termini di Utilizzo

sol
 

Fondazione Giuseppe e Adele Baracchi Onlus

Sede legale: Viale F.Turati 84
52011 Bibbiena (AR)
C.F. 94002370511
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.