Iscriviti alla Newsletter della Fondazione Baracchi per ricevere gli aggiornamenti
Privacy e Termini di Utilizzo

facebook bloggeryoutube

sol
 

Fondazione Giuseppe e Adele Baracchi Onlus

Sede legale: Viale F.Turati 84
52011 Bibbiena (AR)
C.F. 94002370511
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.




assifero logo socio

2006

Casentino Comes Alive

6-7 Maggio 2006 - P.zza Tarlati - Bibbiena: CASENTINO COMES ALIVE Viaggio nella musica dal vivo in Casentino, con la partecipazione di: musicisti locali, ORT, Pia Tuccitto, RumoreRosa, Banda Osiris con la special guest del Quartetto Euphoria, coordinamento e interviste di Maurizio Principato.

 

 

...6 - 7 Maggio 2006 > il Viaggio continua con la musica dal vivo in P.zza Tarlati di Bibbiena (AR)

CASENTINO COMES ALIVE

Viaggio nella musica dal vivo in Casentino

Un sabato e una domenica dedicati alla musica, con esibizioni live di musicisti e gruppi locali ma anche con i concerti di...

... ORT > PIA TUCCITTO > RUMOREROSA > BANDA OSIRIS

e con le interviste di MAURIZIO PRINCIPATO


Si sono esibiti dal vivo...

SAXOPHONIA QUARTET

QUARTETTO DI CLARINETTI BELL'AGIO

FILARMONICA CASENTINESE

FBB GROUP

JAETZEMANI

UNICA VIRGO

 

SHALOM KLETZMER

 

I PINGUINI INNAMORATI

 

S P E C I A L -- G U E S T

 

------> SABATO 6 MAGGIO <------

ore 18.30: BRIZZI BIG BAND

 

ore 21.15 Chiesa di S. Ippolito: ORCHESTRA della TOSCANA

 

------> DOMENICA 7 MAGGIO <------


ore 16.30: PIA "UN SEGRETO CHE"

Pia con la dolcissima sorella Giorgi

 

ore 18.30: RUMOREROSA

ore 21.30: QUARTETTO EUPHORIA

 

ore 22.15: BANDA OSIRIS in "SUPERBANDA"


ore 11.30 GRAN FINALE: BANDA OSIRIS E QUARTETTO EUPHORIA

"Tutti insieme appassionatamente"

 

Interviste di MAURIZIO PRINCIPATO

Ha intervistato proprio tutti, il musicologo e giornalista Maurizio Principato. Poche parole, ma con competenza e simpatia ha intrattenuto per qualche minuto i musicisti dopo ogni loro performance, arricchendo di curiosità, aneddoti ed emozioni, queste due giornate di grande musica dal vivo.




Per saperne di più...

 

PIA

“Una volta ho sognato di volare e non volevo atterrare. Quando mi sono svegliata ho cercato di raccontarlo ma non ci sono riuscita. E la stessa cosa succede se mi si chiede di spiegare le mie canzoni…Impossibile. Posso dire soltanto che sono storie che mi assomigliano, che hanno la mia stessa ironia e che in più di un’occasione sono servite a far fidanzare le mie amiche e qualche volta pure a sfidanzarle…!

Risponde così Pia a chi le chiede di raccontare la sua musica.

Toscana di origine ma bolognese d’adozione, Pia è la nuova voce del rock melodico italiano, un talento unico nel suo genere che non è passato inosservato agli occhi e alle orecchie di VASCO ROSSI.
Il numero uno del rock italiano ha infatti voluto incidere nel suo ultimo disco, “Buoni o Cattivi”, un brano di Pia, dal titolo “E…”.

La storia comincia nel 1993 quando Pia, all’epoca studentessa al DAMS (dove si laurea l’anno dopo con una tesi dal titolo profetico “Il rock al femminile”) ha già iniziato a comporre le sue prime canzoni.
Ed è proprio con una di queste, “Trasloco”, ispirata da un reale e improvviso cambio di appartamento, che tenta la strada del Festival per voci nuove di Castrocaro.
A sorpresa si qualifica per la finalissima, in diretta su RAI UNO, e in quell’occasione viene notata da Gaetano Curreri, leader degli Stadio che da quel momento la prende sotto la sua ala protettrice e la introduce nel clan di Vasco Rossi.
Proprio grazie a Vasco, nel 2000, avviene l’incontro con un altro mostro sacro della musica leggera italiana, PATTY PRAVO che dice di lei: “Talmente brava, padrona delle sue canzoni che non ho avuto altra scelta…..’copiarla’ ” L’ ex ragazza del Piper non scherza e per il suo album “Una donna da sognare” che esce nel maggio di quello stesso anno, sceglie ben sette brani scritti da questa giovane cantautrice, capace di fondere melodie morbide e intriganti con l’energia di una vera rockstar.
La collaborazione con Patty Pravo segna per Pia un decisivo trampolino di lancio che la porta a partecipare a numerosi programmi televisivi.
Sulla scia di questi successi nel giugno 2000 Pia si esibisce sul palco dell’ ”Heineken Jammin’ Festival” di Imola e al “Rock R’evolution” di Zocca
Nel frattempo continua la collaborazione con Vasco che, nell’estate del 2001, la vuole come supporter ad alcune date del suo tour “Stupido Hotel”.

Il 2003 è l’anno del debutto discografico di Pia che incide “Ciao Amore”, un singolo
prodotto da Vasco Rossi per la sua etichetta “Bollicine”.


Contemporaneamente all’uscita di “Ciao Amore” Pia firma “Buon Compleanno” e “Voglio una ninna nanna”, due brani dell’album di IRENE GRANDI “Prima di partire”, di cui proprio “Buon compleanno” sarà uno dei singoli di maggiore successo.
Ma il 2003 riserva ancora sorprese per la carriera di Pia: “Quella vispa di Teresa”, il suo secondo singolo, accompagnato da un videoclip con la partecipazione straordinaria di Platinette, resta per sei settimane nella hit parade redatta da “Musica e dischi”.

Arriviamo così al 2004 quando Vasco “ruba” a Pia la canzone “E…”, definendola “veramente bellissima, piuttosto eccitante da ascoltare”. Ed “E…” sarà uno dei brani più programmati dalle radio dall’album “Buoni o cattivi”, in testa per quasi un anno a tutte le classifiche.
Di lei Vasco dice: “E’ un vero e proprio genio a scrivere canzoni. Una cantautrice da seguire assolutamente, un talento eccezionale”. E a proposito di “E…” aggiunge: “Tengo in modo particolare a questo brano, credo che sia una vera e propria carezza…” Il feeling tra Vasco e Pia diventa ancora più profondo nell’estate 2004 quando, nella trionfale tournée che segue l’uscita di “Buoni o cattivi”, Pia apre i suoi concerti nelle date di San Siro, Reggio Emilia e Padova.
Intanto Pia non smette di scrivere e l’occasione per una nuova avventura arriva da “Il Giornale di Sicilia” che, in concomitanza con la promozione del Palermo in serie A, le chiede di comporre l’inno per i tifosi della squadra. Il brano s’intitola “Palermo facci sognare” e dopo essere stato distribuito in allegato al quotidiano l’inverno scorso, dal 20 febbraio 2005 è la sigla ufficiale di presentazione della squadra al programma televisivo “Quelli che il calcio”.
Finalmente il 17 Giugno 2005 esce “Un Segreto Che”. Album d’esordio di Pia, esce contemporaneamente in Italia e in tutto il Nord Europa, con un’unica differenza tra il mercato italiano e quello straniero: da noi l’album contiene nove brani che diventano dieci per l’estero, con l’aggiunta di una versione dance di “Ciao amore” primo singolo di Pia, uscito nel 2002.

Concepito da Pia sotto l’egida di Vasco Rossi, “Un segreto che” esce per l’etichetta Bollicine/EMI con la produzione artistica di Frank Nemola, già programmatore di Vasco. Il cantautore modenese ha “prestato” a Pia anche alcuni suoi musicisti storici: Claudio Golinelli al basso e Stef Burns alla chitarra, oltre a Clara Moroni per i cori, presenti nei brani: “Quella vispa di Teresa” e “Se chiudi gli occhi”. Il resto del disco è stato suonato invece dalla band che accompagna abitualmente Pia nelle esibizioni dal vivo: Stefano Peretto alla batteria, Giorgio Santisi al basso, Luca Longhini alla chitarra e Renato Droghetti alle tastiere.
L’artista ha aperto alcune date del tour di Vasco Rossi del 2005.
7 Giugno – Torino / 10 Giugno – Imola / 25 Giugno – Palermo / 5 Luglio – Firenze /9 Luglio – Udine

 

RUMOREROSA

MARGOT, cantante e frontwoman - K alla chitarra
- PIXIE alla batteria - CLAUDE al basso

Dei RumoreRosa hanno scritto:

“La loro musica delineata da sonorità grintose ed energiche. Nessun artificio elettronico, solo sangue, sudore ed elettricità” (Altatensione)
“Finalmente un suono giovane e autentico”
(Suddeutsche Zeitung)
“Margot, la cantante, ottima voce e bell’impatto adrenalinico sul palcoscenico”
(Corriere di Romagna)
“Una band di cui sentiremo sicuramente parlare”
(The Daily Mirror)

Sono solo alcune recensioni, chi li vede in concerto ha l’immediata percezione di quello che è questa band: rock…molto rock e poi, ancora rock!
RumoreRosa, sono quattro ragazzi giovani e toscani, con alle spalle una lunga esperienza live, 50 le date solo nel 2005.
Dopo cinque anni di collaborazione e convivenza musicale, prove e concerti, sono finalmente riusciti a realizzare il loro primo album:
“PICCOLI DISTURBI MENTALI” che è stato pubblicato venerdi 25 novembre, su etichetta BestSound/BmgRicordi.
L’album è stato lanciato da 2 singoli con un’ottima risposta nelle radio ad orientamento rock:
“Ossessione” e “Teledipendente” di cui ha girato il video Ax degli Articolo 31.

Lo scenario di partenza della band è quello di un tranquillo paese di provincia, in Toscana, lontano dai ritmi della grande città, dove il vino è buono e il tempo scorre in slow motion.
Che sia questa la ricetta della carica energica di Margot, della ‘dolce’ sfrontatezza con cui divora i palchi delle più disparate città?

Dopo aver tenuto i primi concerti nella provincia di Firenze, vincono un concorso indetto dalla rivista Rockstar e accedono al Pistoia Blues nel 2001.
Un anno dopo arrivano secondi all’Axe For Music ed è qui che li nota Franco Godi (produttore di Articolo 31 e Gemelli Diversi) e firma il loro primo contratto con la sua etichetta indipendente Best Sound.
Catturato dalla loro energia e dalla loro forza live, li porta alla registrazione di un singolo
“Fuori dal cerchio” e di un EP live contenente 5 brani, tra i quali una cover di Battisti “Io vivrò senza te”.
In questi tre anni frequentano e conquistano il pubblico dei maggiori Festival rock europei, dall’Heineken Jammin‘, al Flippaut di Bologna all’Iviva Festival di Basilea. Supporter dei Gotthard, aprono l’unica data europea di Nickelback al Mazdapalace due anni fa.
Sempre impegnati sul fronte live… non scenderebbero mai dal palco e il loro rock tinge di rosa shocking ogni tipo di pubblico che li ha visti in concerto.
La lavorazione di “Piccoli disturbi mentali” è iniziata nel 2004, l’album è stato registrato e mixato negli studi Best Sound di Milano.
Curato nei minimi particolari, musica travolgente, testi arrabbiati e grintosi, il cd contiente 11 pezzi rock scritti dagli stessi RumoreRosa.

 


BANDA OSIRIS


La Banda Osiris, considerata la massima espressione in Italia della comicità nel teatro musicale, è composta da: Sandro Berti (mandolino, trombone), Gianluigi Carlone (voce, sax, flauto), Roberto Carlone (trombone, tastiere), Giancarlo Macrì (percussioni, basso-tuba).

Con i suoi spettacoli è stata invitata nei più prestigiosi festivals di musica e di teatro internazionali. Ha inoltre partecipato a numerose trasmissioni televisive, ideato e realizzato programmi radiofonici, composto colonne sonore per il teatro e per il cinema (tra cui "L’imbalsamatore" e “Primo amore” di Matteo Garrone, Orso d’argento al festival di Berlino e David di Donatello nel 2004), inciso alcuni album e pubblicato un libro “L’opera da tre Sol”(ed. Bompiani).

Sono 25 anni che i quattro formidabili musicisti-attori della Banda Osiris portano in giro la loro “musica da ridere”, fatta di suoni e ritmi giocosi e di gag irresistibili. Dalle iniziali esibizioni on the road ad applauditissimi spettacoli teatrali, il gruppo piemontese ha incantato platee di ogni tipo: il segreto della Banda Osiris sta, infatti, nell’equilibrato e gustoso amalgama tra musica e comicità. Musica di tutti i generi (classica, rock, folk, jazz) che rimane l’asse portante e al tempo stesso il collante drammaturgico di spettacoli dal ritmo vorticoso e ricchi di pungente ironia; i componenti della Banda Osiris conoscono bene l’arte di divertire e divertirsi, senza mai sbagliare una nota.

E la comicità musicale della Banda Osiris si è diffusa come un virus benefico contagiando un quartetto d’archi tutto al femminile che ha preso il nome di Quartetto Euphoria. Compagne di strada della Banda Osiris nel fortunato tour dello spettacolo “Roll Over Beethoven”, anche la musica del Quartetto Euphoria è, quindi, da ascoltare ma soprattutto da vedere.

Lo spettacolo... SUPERBANDA

Superbanda: il blob sonoro di inizio millennio, il supercondensato musicale per ascoltatori pigri, il viaggio trasversale nelle regioni delle armonie, il percorso alternativo nel mondo della musica, la vacanza intelligente “sei giorni sette note”.

Superbanda: un concerto e una conferenza al tempo stesso. Il tema è la storia della musica e i suoi protagonisti, ma lo svolgimento della Banda Osiris è deviante e deviato: un viaggio virtuale nel quale autori, strumenti, brani conosciuti e non, vengono mescolati nel gran calderone della confusione musicale.

Superbanda: un mix di divertente, intelligente, frizzante, rinfrescante comicità, di musica che spazia in ogni direzione (da Vivaldi a Carosone per intenderci), di nuove e vecchie gags, di archeologia osirisiana e di nuove anticipazioni sui prossimi spettacoli.

Superbanda: un salvagente indispensabile nel mare piatto delle proposte televisive, discografiche e teatrali di questi ultimi anni.

con la partecipazione del

QUARTETTO EUPHORIA

Marna Fumarola e Alessia Massaini violini, Chie Yoshida viola, Michela Munari violoncello.
Il Quartetto Euphoria si costituisce nel 1999, contagiato dal virus fantastico della Banda Osiris che accompagna, ancora oggi, nella tournée di Roll Over Beethoven, lo spettacolo ideato per festeggiare i primi 20 anni di attività della compagnia di teatro comico-musicale.

Un poker d’archi vincente, che scuote la vista oltre che deliziare l’udito: il repertorio classico da concerto si combina ad un estro musicale tutto teatrale, sulla linea della Banda Osiris.
Negli spettacoli il Quartetto Euphoria guida la fantasia e porta l’ascoltatore su terreni caotici e sbalorditivi.
Gli strumenti musicali e gli archetti che li fanno vibrare diventano oggetti di scena che si prendono gioco delle partiture e trasformano il tempo dell’esecuzione in un’esperienza visiva attraente, viva e coinvolgente. I gesti e i ruoli giocati dalle quattro musiciste si liberano nell’aria come le note musicali che diffondono. La serietà e il gioco diventano un solo atteggiamento; il rigore esecutivo abbraccia le burle e un approccio libero e fantasioso alla presenza in scena.
La musica va vista, oltre che ascoltata, perché il desiderio e la bellezza passano attraverso lo sguardo, così come le melodie e le armonie musicali passano attraverso i corpi espressivi dei musicisti.

All'impegno teatrale, Il Quartetto affianca l'attività concertistica e l'approfondimento del repertorio classico sotto la guida del M° Franco Rossi. E' stato ospite di alcune trasmissioni radiofoniche di RadioDue - in particolare Caterpillar e Grammelot - e RadioTre RAI, Controradio e Radio Popolare.

Nel gennaio 2002 ha collaborato con la Fondazione Fabrizio De Andrè arrangiando ed eseguendo alcuni brani del famoso cantautore. Tra il 2000 e il 2002 ha partecipato alle registrazioni delle colonne sonore composte dalla Banda Osiris per i films di Matteo Garrone “Estate Romana” e “L'imbalsamatore” (presentato con grande successo di pubblico e critica al Festival di Cannes 2002) e per il film “Amore con la S maiuscola” di Paolo Costella. E' del 2000 la collaborazione alla realizzazione del CD “Colonne sonore” della Banda Osiris.

Il QUARTETTO EUPHORIA ha preso parte a numerosi festival nazionali ed internazionali di artisti di strada in cui la singolare versatilità del quartetto ha riscosso ampi successi di critica e di pubblico.


 

Foto di Alessandro Ferrini

 

facebook bloggeryoutube

Iscriviti alla Newsletter della Fondazione Baracchi per ricevere gli aggiornamenti
Privacy e Termini di Utilizzo

sol
 

Fondazione Giuseppe e Adele Baracchi Onlus

Sede legale: Viale F.Turati 84
52011 Bibbiena (AR)
C.F. 94002370511
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.